EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Ruolo del libro e della lettura nelle politiche pubbliche italiane

Ruolo del libro e della lettura nelle politiche pubbliche italiane

L’intervento della dottoressa Flavia Cristiano a Fieramente Il Libro 2015

Sabato 27 giugno 2015 la dottoressa Flavia Cristiano, Responsabile del Centro per il libro e la lettura, farà il suo intervento all’apertura della manifestazione presso la Rocca abbaziale di Subiaco

Gentile dottoressa Cristiano qual è lo “stato di salute” del libro e della lettura in Italia oggi?
Che in Italia esista una “emergenza lettura” non è una novità, ma stando alle ultime indagini statistiche dell’ISTAT sulla produzione e la lettura dei libri in Italia, i dati parlano di una situazione piuttosto allarmante.

Nell’ultimo anno, i lettori (cioè coloro che hanno letto almeno un libro nell’arco dei 12 mesi) sarebbero passati dal 43% al 41,4% della popolazione: scende, quindi, ancora il numero di persone che dichiara di aver letto almeno un libro per ragioni non strettamente scolastiche o professionali (nel 2013 era, a sua volta già scesa di 3 punti).

Queste difficoltà vanno a innestarsi su una situazione di per sé già difficile, come è testimoniato dal divario che accusiamo rispetto ad altri paesi paragonabili all’Italia, che fanno registrare percentuali di lettori ben più elevate: si pensi al 61,4% degli spagnoli, al 70% dei francesi, al 72% degli statunitensi, all’82% dei tedeschi.

Un altro dato piuttosto preoccupante è il fatto che quasi una famiglia su dieci (il 9,8%, pari a circa 2,5 milioni di famiglie) non ha alcun libro in casa. E anche laddove sia presente una libreria domestica, il numero di libri disponibili è molto contenuto: il 28,9% delle famiglie possiede non più di 25 libri e il 63,5% ha una libreria con al massimo 100 titoli.

Le famiglie maggiormente sprovviste di libri sono quelle della Basilicata (il 19,1% non possiede
nemmeno un libro), della Sicilia (18,1%) e della Puglia (17,9%), confermando quindi la tendenza che nel Sud, ancora oggi, la lettura sia ancora molto meno diffusa rispetto al resto del Paese.
La scarsa propensione alla lettura è, inoltre, un indice di difficoltà di accesso anche ad altre risorse ed opportunità culturali. Ai non lettori, infatti, corrispondono livelli di partecipazione culturale significativamente inferiori alla media: ad esempio, hanno visitato musei o mostre il 48,9% dei lettori contro il 13,3% dei non lettori, e siti archeologici o monumenti il 38,7% dei primi contro il 10,3% dei secondi, mentre hanno assistito a spettacoli teatrali il 32,3% dei lettori contro il 9,6% dei
non lettori.

L’unica categoria sostanzialmente stabile nel tempo è quella dei “lettori forti”, cioè le persone che leggono in media almeno un libro al mese, che sono il 14,3% dei lettori.

Quant’è influente la politica culturale pubblica in Italia oggi?
Com’è già noto, nel nostro Paese la politica culturale pubblica per la lettura è, ad oggi, praticamente assente. E considerato che la diffusione della lettura è un elemento essenziale per la crescita sociale ed economica del Paese, risulta urgente una politica pubblica che affronti il problema, con interventi mirati a promuovere la lettura:

  • in primo luogo è necessario partire dalla scuola, che deve dare centralità alla lettura come momento di condivisione, di apprendimento e di riflessione critica, facendo diventare l’atto del leggere un’attitudine diffusa;
  • in secondo luogo bisogna valorizzare il ruolo delle biblioteche, che attualmente occupano uno spazio marginale nelle politiche pubbliche e sono fortemente penalizzate dalla crisi economica, reinserendole nel vivo delle dinamiche culturali e sociali in quanto portali d’accesso all’informazione e alla conoscenza specie nelle realtà più deboli e disagiate del Paese;
  • infine bisogna valorizzare le librerie e tutti quei luoghi che creano un contatto diretto e sicuro con il lettore reale o potenziale.

Può darci un brevissimo assaggio dei punti più significativi del suo intervento?
Nel mio intervento illustrerò in linea generale il Piano Nazionale per la Lettura in corso di elaborazione presso il Centro per il libro.

Grazie molte, l’aspettiamo a Fieramente 2015!
Sarà un piacere esserci!

Link
Centro per il libro e la lettura
Dottoressa Flavia Cristiano

 

Scopri il programma di Fieramente Il Libro 2015!