EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

presentazione educatore legalita marta micozzi fieramente 2018

12 maggio 2018: Marta Micozzi presenta “L’educatore e la legalità” a Subiaco

L’evento

Sabato 12 maggio 2018 Marta Micozzi presenta il suo libro “L’educatore e la legalità: il fresco profumo della libertà vs il puzzo delle eco-mafie”, edito alla fine del 2017 da Aemme Pubblishing, presso l’Opificio delle Arti, in via della Forma a Subiaco.

Partecipa all’evento anche il giornalista romano di Avvenire Pino Ciociola; modera l’incontro Federica Proietti Mancini.

L’educatore e la legalità

Noi riteniamo che sono per se stesse evidenti queste verità: che tutti gli uomini sono creati eguali; che essi sono dal Creatore dotati di certi inalienabili diritti, che tra questi diritti sono la Vita, la Libertà, e il perseguimento della Felicità.

La felicità: è il filo che lega questa citazione tratta dalla Dichiarazione d’Indipendenza degli Stati Uniti d’America (4 luglio 1776), con questo libro. Sì, perché le mafie ci rubano la felicità. A tutti noi, indistintamente, anche a chi non ha mai conosciuto da vicino le mafie, soprattutto a chi pensa che esse siano un fenomeno relegato solo a determinati territori e non al proprio contesto di vita. Questo è un errore, ed è proprio per questo errore che le mafie continuano a vincere. Ecco perché ripartire da un’educazione alla legalità, alla felicità, all’empatia permetterà ai bambini di tornare a giocare, e di non continuare a morire, o sopravvivere, o crescere deviati in territori degradati culturalmente, socialmente, economicamente, storicamente. Si tratta di un compito che spetta all’educazione e ai professionisti dell’educazione.

In questo lavoro vengono descritte e approfondite le modalità con cui le mafie educano al male, invadono i territori e le vite di ciascuno di noi, le coscienze, le idee i nostri progetti di vita. È per quelle modalità mafiose che si diffonde un abisso pieno di oscurità; l’educazione e i professionisti dell’educazione devono diffondere l’abitudine a disseminare spiragli di luce, di speranza: magistrati, giornalisti, preti, scrittori, madri e padri orfani di figli, adulti orfani di coscienza civile, in una parola persone oneste, che non si piegano e continuano a lottare, devono educare a quel diritto fondamentale che è il diritto ad essere e a vivere felici.

La copertina

La foto di copertina del libro, intitolata L’educatore allo specchio o lo specchio dell’educatore, è stata scattata da Francesco Pelliccia durante la mostra “Solo per passione” di Letizia Battaglia al Maxxi di Roma, e raffigura l’autrice del libro Marta Micozzi dinnanzi a una rara foto di Giovanni Falcone.

Marta Micozzi

Educatore professionale di comunità, si specializza in coordinatore dei servizi educativi e dei servizi sociali nel 2017. Dal 2013 lavora come educatrice professionale presso Anffas onlus Subiaco. Ha pubblicato 2 libri con l’editore Aemme pubblishing: “Parole, educazione e mafia – Il codice orale vs il codice d’onore” (2013), “L’educatore e la legalità: il fresco profumo della libertà vs il puzzo delle eco-mafie” (2017).

Il ciclo di incontri Fieramente Consapevoli

Fieramente il Libro – Festival della Parola 2018 VI edizione, quest’anno ha dato il via a una serie di incontri di sensibilizzazione su tematiche importanti, al centro di libri e narrazioni del nostro tempo, affinché non venga mai meno la nostra consapevolezza riguardo tali argomenti. L’incontro sui temi della legalità, delle eco-mafie e della Terra dei Fuochi, con Marta Micozzi, è il primo appuntamento del ciclo e apre l’edizione 2018 del Festival.